domenica 9 giugno 2013

quando esulta l'anima...

blog life,sport,tennis,serena williams,rafael nadal,torneo roland garros 2013,

16 commenti:

  1. Roby ti ho lasciato un messaggio sul blog precedente.
    Ciao a presto.

    RispondiElimina
  2. I media danno importanza solo al calcio.Ma esistono anche tanti altri sport degni di una certa rilevanza.
    Ciao Roby.

    RispondiElimina
  3. Intendevo dire su post precedente,scusami.
    Ariciao.

    RispondiElimina
  4. cara Gibran,
    letto e risposto sul blog-post precedente.
    Ariciao. robi

    RispondiElimina
  5. ho seguito le due finali in TV, finalmente trasmesse dalla RAI ed ho voluto trasferire nel post l'interpretazione dei momenti interiori vissuti dai due campioni nell'attimo della vittoria. Quello di Serena Williams, in particolare, è stato emozionante per l'umiltà del suo esultare, denso di significati legati non solo allo sport ma anche ai problemi della vita.

    Buona settimana. robi

    RispondiElimina
  6. La nuova destinazione è il Portogallo. Speriamo che non scoppi la rivoluzione anche lì.
    Un giorno forse avrò anche io la mia rivincita. eh.

    RispondiElimina
  7. Caro Robi,
    a me fanno impazzire entrambi, ma non solo per il tennis che sanno esprimere, quanto per l'estrema educazione che hanno sempre dimostrato al di fuori del rettangolo di terra battuta.

    Assieme a Roger Federer, meritano di essere nominati come ambasciatori dello sport.

    Hasta
    Zac

    RispondiElimina
  8. Peccato per il doppio femminile italiano.
    La sirena SERENA è una gran tennista oltre che...
    Un caro saluto,
    aldo

    RispondiElimina
  9. Il tennis ha avuto un posto importantissimo nel mio cuore negli anni fine '80-inizio '90, poi l'ho seguito ancora ma con meno accanimento. E' sempre un bellissimo sport, comunque :-)

    PS: io mi incantavo davanti al "serve and volley" del mitico Stefan Edberg, che quando volteggiava sull'erba di Wimbledon sembrava un angelo, con uno stile e un'eleganza incredibili...che ricordi! Non esiste più un tennis così.

    RispondiElimina
  10. Verd'anima10 giugno 2013 14:29

    Io oggi voglio esultare per il dono di qualcuno che ogni giorno, con la sua presenza e i suoi pensieri immaginati rende bella la blogsfera.
    Brindo a te, Robi, alla tua vita e alla tua anima serenamente inquieta!

    RispondiElimina
  11. ciao penny,
    eventualmente controlla se il Re del Portogallo ha imparato a ballare la samba...(canzone degli anni '50!).
    Buon viaggio, vacanza, umore e che tutto il resto non sia noia. robi

    RispondiElimina
  12. caro Zac,
    con le pay-TV, per principio, avevo perso il contatto con il tennis. Ora che la Rai è rientrata nel circuito ho potuto godermi una settimana di grande gioco e di tante emozioni. Sono pienamente d'accordo con la tua valutazione sui tre grandi campioni.

    Hasta
    robi

    RispondiElimina
  13. caro Aldo,
    ho seguito la finale del doppio femminile e con la mia piccola esperienza di doppista ho interpretato che le due italiane non sono entrate nel loro solito feeling agonistico. Forse la brutta sconfitta (e non mi riferisco solo al punteggio) della Errani contro la Williams deve aver lasciato alla brava Sara qualche ombra psicologica.
    Come te, trovo che Serena sia una donna stupenda in tutto.

    Ciao Aldissimo, a presto. robi

    RispondiElimina
  14. cara Maris,
    quegli anni che hai ricordato del tennis sono stati veramente favolosi. Il mio idolo dell'epoca è stato Jimmy Connors su tutti, ma l'eleganza e la signorilità di Edberg mi ha sempre suscitato ammirazione.
    Il gioco di adesso, esasperato dai materiali, ha raggiunto livelli quasi estremi di velocità, togliendo forse un pò di poesia agli incontri.

    Spero che il monellino sia tornato in forma. A presto. Ciao. robi

    RispondiElimina
  15. cara Verd'anima,
    le tue parole di oggi mi hanno fatto commuovere e pensare.
    La mia anima serenamente inquieta ti ringrazia per questo grande regalo.
    Brindo a te, Calo, al miglior futuro della tua giovane vita ed alla tua anima bella che merita tutto.
    Ti abbraccio. robi

    RispondiElimina
  16. Verd'anima10 giugno 2013 19:08

    Ehm... caro gemellino... non è che oggi hai fatto qualche brindisi di troppo?!? Se agli inizi degli anni 80 avevi tra i 60 e i 70 anni... oggi saresti un centenario matusa... e la cosa non mi risulta (l'Italia entra in guerra un anno dopo docet!!)

    Ricambio l'abbraccio!!

    RispondiElimina