domenica 26 maggio 2013

lassù sulle montagne...

sport,giro d'italia,vincenzo nibali,trionfo sulle tre cime di lavaredo,

12 commenti:

  1. CON LA VINCITA DI NIBALI, MI HAI FATTO VENIRE UNA GRANDE NOSTALGIA DI QUELLE MONTAGNE DA ME TANTO AMATE.CHISSA' SE MAI LE RIVEDRO'.
    GRAZIE CON AFFETTO CIAO.

    RispondiElimina
  2. Quando ho visto l'arrivo innevato mi sono detta che forse davvero siamo saltati tutti su una bizzarra macchina del tempo e siamo stati catapultati al prossimo 25 novembre (oppure siamo tornati indietro al 25 novembre scorso...fai un pò tu!)...da non credersi!!!
    Comunque, neve a parte...complimenti a NIbali!!

    RispondiElimina
  3. Un gesto sportivo e umano che resterà per sempre negli annali del ciclismo.
    Quella strada che da Misurina porta al rifugio Auronzo, sotto le pareti sud delle Tre Cime di Lavaredo, non lascia tregua. Lo bene io che l'ho sempre fatta a piedi oltre la sbarra dove si paga il pedaggio, posto che non tollero tutta quella folta schiera di vetture che deturpano le più belle cattedrali che la natura abbia progettato e costruito.
    Per un istante ho visto delle immagini registrate delle tre cime, e con nostalgia ho preso in mano i miei diari alpinistici: lassù, sulle spietate pareti nord o sul solare Spigolo Giallo della sud della Piccola o la Cassin alla sud della picolissima ho trascorso, per sommatoria dei tempi, oltre due mesi della mia vita arrampicando con il compagno o in solitaria. Trentasette vie nel regno del verticale.
    Ciao robi, una pacca amichevole sulla spalla.
    haffner

    RispondiElimina
  4. Verd'anima26 maggio 2013 20:05

    Tanta "bella sicilia" in questi giorni agli onori della cronaca... In me un pizzico di presunzione di orgoglio nell'appartenere a questa terra che non è solo mafia e criminalità.

    Buona nuova settimana per te e Lina.

    RispondiElimina
  5. CARA GIBRAN,
    TI AUGURO CON TUTTO IL CUORE DI POTERLE RIVEDERE AL PIU' PRESTO SIA SUL PC CHE SUL POSTO (E FARAI UN BEL SERVIZIO FOTOGRAFICO PER FARLE VEDERE ANCHE A NOI TRAMITE BLOG).
    AGGIORNAMI, CIAO.ROBI

    RispondiElimina
  6. cara Maris,
    sono le tappe come quella di ieri che rendono unico e mitico il ciclismo.
    Quando poi è la maglia rosa a staccare tutti ed a trionfare sul traguardo le emozioni vengono moltiplicate.

    Mitica anche la data del 25 novembre, indipendentemente dall'anno...
    Da domani il mio cuore, senza giro d'Italia, ha di nuovo i pomeriggi liberi...

    Buona settimana a tutti. robi

    RispondiElimina
  7. caro haffner,
    la neve di ieri ha coperto quelle ombre, purtroppo ancora ricorrenti, che offendono la fatica di tanti corridori. Il ciclismo è da sempre lo sport che mi emoziona più di ogni altro e con l'impresa di Nibali sono contento di avere un nuovo punto di riferimento italiano.

    Leggo che le Tre Cime ti hanno riportato alla nostalgia di tante difficile imprese alpinistiche. Chissà quante emozioni su quel diario...! Se e quando vorrai, potrai regalarne qualcuna anche agli Amici di blog.

    Aspetto notizie L1, S1, L ecc. e ti auguro una buona settimana. robi

    RispondiElimina
  8. cara Verd'anima,
    con il trionfo di Vincenzo Nibali al giro d'Italia, la tua Sicilia entra nella storia delle grandi emozioni che solo il ciclismo riesce a trasmettere.

    Meritatissimo il tuo orgoglio di appartenenza ad una terra di eroi, di campioni e di persone comuni che non mollano mai di lottare per il bene della Sicilia e della Nazione.

    Buona settimana anche a te. robi

    RispondiElimina
  9. Ah che bello l'inverno. Sto già andando in giro per i regali di natale.

    RispondiElimina
  10. manca solo la tredicesima... Ciao penny. robi

    RispondiElimina
  11. Dato che non ho scuse...taccio. Promesso che adesso facciamo conoscenza, io e Vincenzo (si chiama Vincenzo, vero??).

    RispondiElimina
  12. Vincenzo Nibali da Messina, anno di nascita 1984. (sposato, quindi seguilo solo come tifosa...). Carattere non estroverso. Pur essendo un suo tifoso, non mi ha ancora preso il cuore come altri del passato, ma le sue gesta di quest'anno mi hanno finalmente emozionato.
    Se riuscirai ad amare un pò il ciclismo, il "mito" non impiegherà molto ad insinuarsi nel tuo cuore e, bellezza del ciclismo, può anche non essere italiano senza sentirsi in colpa...
    Buonanotte n° 2. robi

    RispondiElimina